LA NEO-LINGUA

E’ stato ORWELL ad accorgersene  e a farlo sapere . Le parole , i sostantivi , gli aggettivi , frasi intere possono “mentire” fino a significare il contrario di cio’ che affermano.  ricordiamo per tutte  PRAWDA  che con ghigno cinico, con macabro senso dell’umorismo, e’ stato per settant’anni il piu’ grande quotidiano di giornaliere menzogne. Ma, di certo con minore grandezza .possiamo anche noi , qui tra il lago e la Brianza, osservare i “lugubri giochetti” della NEO-LINGUA.

Penso alla mia giovinezza quando nel centro di Lecco ,poco sotto la stazione ferroviaria, viveva ancora una Grande villa dell’800 con enorme cancello in ferro battuto che custodiva un  parco di pini e  noci ed edere; un giardino incolto e felice nel centro citta’ come ve n’erano tanti in tante citta’. Piu’ di 20 anni fa i “costruttori” altra parola in neo-lingua ( spaccia per nobili muratori ed architetti dei semplici cementieri), hanno abbatuto la vecchia casa e scaraventato il parco in un caratere profondo per farne come sempre parcheggi e negozi. Ebbene : da quel giorno , quel luogo, e’ noto con il nome : IL GIARDINO.

Cosi’ anche  in Brianza, si trovano complessi alberghieri, grandi ristoranti dal nome evocativo, per gli ingenui, come LA BRUGHIERA, IL BOSCHETTO. Ma subito ci si accorge che la brughiera ed il boschetto erano prima del ristorante, della piscina, dell’albergo. Ora e’ rimasta solo la parola, il nome . Una lapide a perpetuo ricordo.

2 Replies to “LA NEO-LINGUA”

  1. Caro Roberto,
    come è vero e triste quello che così bene descrivi: sia in riferimento alla neolingua, sia all’esempio che citi; molto azzeccato, attuale e che si reitera all’infinito nel tempo provocando la distruzione dell’ ex “bel paese” che è sotto gli occhi di tutti, ma pochi colgono.
    La prossima volta che ti vedrò ti darò un bellissimo articolo di Roberta de Monticelli, apparso sul fatto quotidiano del 23 agosto a.c. e che parla proprio di questo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.