Saint-Louis du Senagal

Saint-Louis , in Senegal, sta scomparendo.
Dicono  sarà tra i sommersi. Basteranno quei pochi centimetri in più  previsti nell’Atlantico  .
Oasi coloniale nel mito delle -signore nere-, colte e meticce, della Francia imperiale e in quello più recente della Parigi-Dakar. Città del -piccolo principe- aereoporto delle prime trasvolate postali. Delta del grande fiume,  sogno d’incontro tra la Mauritania islamica e le maschere dell’Africa pagana. Nelle vecchie carte geografiche una lingua di terra rosa sfuggita al deserto , confine tra oceano e fiume, – la langue de barbarie- . E’ questo uno dei luoghi sacri della mia personale geografia . Quasi tutti si trovano sui delta dei grandi fiumi : S.Maries de la Mer in Camargue , Monpos  in Colombia, Sulina sul mar  Nero. Quasi tutti lottano per restare a galla. Invecchiare meno velocemente dei luoghi che ci hanno formato, rischiare ,quasi , di sopravvivere a quei luoghi , rappresenta un segno grande e tragico del nostro tempo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.