Niger

A sud di Niamey, non ricordo il nome della località , il  mercato tra i più grandi del Niger. la parte alimentare con le carni , le mosche e i rari frutti , il riso dai grani piccoli , il miglio e il latte venduto dalle ragazze nomadi dei Poeuls . il settore delle medicine scadute, venute dall’ Europa, quello della cincaglieria e dell’abbigliamento portati dai cinesi. Come sempre nei mercati c’è gente che ha qualcosa da vendere o da comprare e sta un pò al di sopra della miseria. C’è quasi allegria . Mi passa vicino una ragazzina con una vaga cartella scolastica e una sorellina per mano. Come è giusto ,essendo io uno straniero  e un -bianco-, mi domanda se posso regalare una matita , un quaderno. Per una volta previdente, ho con me diverse matite ,una squadra e due quaderni. Se ne vanno raggianti verso l’uscita, attraverso il parcheggio dei cammelli. Lontane pochi metri si voltano verso di me sorridendo e gridando : merci monsieur ,merci !  Il ringraziamento più gioioso che ricordi, il più sincero,  il più stupito e  al quale continuo ad essere grato.

Leave a Reply

Your email address will not be published.