VIGILIA ELETTORALE

L’ansia, cattiva, acida, niente affatto simile all’inquietudine che conosco da sempre, mi accompagna in queste ore “elettorali”. Forse, l’anzianità, la più precaria delle età, carica la “sospensione” di presagi. Non mi era mai accaduto. O forse, invece, è davvero così importante questa volta? Davvero non si tratta di “cambiar un presidente” ma di far un’Italia “bien différente”?
Non so. Da molti anni non mi occupo più attivamente di politica. Semplicemente guardare rende più opaco l’orizzonte e si moltiplicano gli “effetti morgana” nel nostro mare, comunque, in tempesta.

Leave a Reply

Your email address will not be published.