Riconoscere la propria casa

Non era poi così difficile, ancora fino a venti anni anni fa. Anche se non avevi grandi informazioni, pur senza granitiche convinzioni, decidevi spesso, nel tuo “privato” o nei momenti ufficiali della “democrazia”, per il “meno peggio”…
Ma oggi? Oggi tutto è cambiato. Le informazioni si sono moltiplicate, insieme alle difficoltà di sapere e di capire. Cos’è il “meno peggio” in Siria? O in Egitto ? O, ancora, in Italia, tra destra e sinistra? Non funziona più. Tutto è più complicato.
Allora, per quanto mi riguarda, ho deciso di affidarmi alle scelte che vanno compiendo i diversi protagonisti nazionali ed internazionali, i professionisti della politica. Non ho altre possibilità.
Quali seguire però? Con chi stare? Sto con chi fa riferimento – chiaro e continuato – a quei due o tre punti che ritengo irrinunciabili.
Sto, allora, con l’idea di “democrazia occidentale”, sto con la tolleranza e il laicismo, sto con la cultura politica europea e anglosassone solidarista e liberale che, per il momento, rappresenta il migliore dei mondi possibili. Per me, quanto meno.
Non posso che fidarmi di loro e, virtualmente, dar loro tutto il mio sostegno.

Leave a Reply

Your email address will not be published.