Unghie blu cobalto in un caffè di periferia

Lei quasi cadeva, scivolando sulle grate d’acciaio bagnate dalla pioggia.
Lui la seguiva con lo sguardo da quando, uscita dalla stazione del metrò,
indecisa, non sapeva dove andare. La  guardava dalla vetrina del caffè,
sperava che entrasse, per osservarla meglio, da vicino. Lei finalmente
entra, gocciolante di pioggia. Alta e inquieta, con i jeans e il maglione
grigio troppo lungo, come tutte. Il volto intelligente, pallido, gli
occhi grigi e le labbra rosse. Chiede un caffé lungo e lo beve. Tiene la
tazza  con entrambe le mani. Le unghie sono blu cobalto, lunghe e
appuntite. Strane per una simil-adolescente perduta in un caffé di
periferia. Ma il demonio si nasconde sempre nel dettaglio e lui cerca
quel dettaglio: un’unghia della mano destra è rosea, al naturale,
tagliata corta, come quella di un uomo.

Leave a Reply

Your email address will not be published.