L’odore dei libri

images-2Hanno trasferito LA HUNE. Dall’altra parte di piazza Saint-Germain-des-Prés (al posto di Le Divan). ha resistito sessant’anni a fianco delle due “magots” di legno e di lacca. Generazioni di Lettori sono entrate nella libreria, come si deve in una Basilica: in punta di piedi, in silenzio.
Hanno sfogliato, comprato e ordinato libri in tutte le lingue del Mondo. Era soprattutto l’odore  (indimenticabile per chi lo ha conosciuto) di carta, d’inchiostro e d’ineffabile legno bagnato, che restava,la caratteristica unica delle pubblicazioni che venivano da  lì. Resisteva per anni, quell’odore, tra le pagine, lo portavi con te nella tua libreria, nella tua casa. Lo riconoscevi, uguale, ogni volta che riprendevi quel libro. Si è prodigiosamente trasferito anche lui. Un po’ meno sicuro, più effimero, nei nuovi locali. Se ne andrà per sempre, tra non molto, soffocato dagli schermi digitali e dalla oramai assoluta immaterialità della bellezza..

Leave a Reply

Your email address will not be published.