Taj Mahal. Per amore di una donna.

Guardato dal forte rosso il Taj Mahal, nella pianura agricola di Agra, è immagine inconsulta. Un tempio nel deserto. Il Memoriale dalla cupula mussulmana con i colori cangianti nelle ore del sole e in quelle della luna. E’ la grandiosa “cattedrale” alla fedeltà di un amore. Ma solo entrando nei suoi giardini perfetti, profumati dall’ erba, dai fiori e dalla resina dei cipressi, con le piscine che ne riflettono l’immagine, il canto degli uccelli e , fino a pochi decenni fa, migliaia d’ alberi da frutto, si può intuire la mistica del progetto e la forza della sua realizzazione. il Taj é da quasi cinque secoli la rappresentazione riuscita dell’idea che l’uomo si fa del paradiso. Nel costruire l’altare per il suo grande amore l’imperatore Shah Jahan ha pensato a tutto. I piccoli mosaici in rilievo leggero, le greche nel marmo, le sure in risalto prospettico e l’armonia delle torri di guardia. Addirittura il marmo stesso al quale basterebbe il monsone a mantenerlo pulito e scintillante per secoli.Tra i piú visitati monumenti al mondo il Taj resta di certo il più commovente. E’ l’umano tentativo di rendere immortale l’amore, di preservarne la memoria per quel tempo che si avvicina, almeno un poco, alla nostra concezione di eternità. E’ emozionante proprio perché sappiamo bene come non ci sia marmo che tenga e che tutto quel che é umano dura un tempo solo. Ma quei due piccoli sarcofagi, perduti sotto la cupola, al centro del Palazzo vuoto continueranno per molto tempo ancora a richiamarci come ad un pellegrinaggio. La grazia dell’amore. Shah Jahan sopravvisse molti anni alla morte della ancor giovane moglie. Si dice che le rimase fedele, anche fisicamente, per due anni interi… Poi la fedeltà rimase iscritta nel marmo e nella mantenuta promessa di non risposarsi. Per il resto, come si dice, cedette largamente al richiamo della carne…Morì vecchio, in dorata prigionia, proprio in un’ ala del Forte rosso, da dove poteva ammirare il grandioso frutto del suo unico amore. il Paradiso, da condividere con lei, per l’eternità…IMG_2590

Leave a Reply

Your email address will not be published.